Unione Artisti UNAMS
FEDERAZIONE GILDA-UNAMS

ESAME CCNI SU UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE PERSONALE ATA A.S.2013/14

Comunicato Stampa

Rif. 040
09-05-13

Si Ź svolto nel pomeriggio di ieri 7 maggio 2013, presso la sede del Miur, il programmato incontro fra le OO.SS. e la Direzione Generale Personale Scuola, riguardante l'esame della bozza di CCNI sulle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie per l'a.s. 2013/14 - personale ATA.

In apertura la Dott.ssa Palermo, presente per l'Amministrazione, ha sollecitato un'accelerazione dei lavori onde arrivare ad un successivo incontro di definizione complessiva dell'intero articolato e procedere successivamente alla firma.

Nel corso dell'esame dei singoli articoli, Ź stata proposta una ripulitura del testo, con la eliminazione di alcune parti che, ad oggi, non trovano piĚ motivo di essere.

Come delegazione della FGU presente alla trattativa, abbiamo avanzato le seguenti richieste:

- riformulazione del punto n. 4 - All. 6 - Sequenza operativa, per consentire una maggiore chiarezza di lettura ed una piĚ fedele rispondenza fra quanto descritto in detto punto della sequenza ed il disposto dell'art. 11 -lett. b); infatti, considerata l'analogia con la parte riguardante il personale docente, abbiamo chiesto di riportare lo stesso testo descritto al punto 28 dell'All. 3, inserendo anche la sostituzione della espressione “comune viciniore” con quella di “comuni viciniori”;

- per quanto riguarda le Assegnazioni Provvisorie, Ź stata sottoposta all'attenzione del tavolo, la possibilitą di consentire al personale DSGA che voglia chiedere il ricongiungimento al nucleo familiare, di esprimere sedi appartenenti anche a province diverse, in considerazione della unicitą del profilo e degli effetti sfavorevoli procurati a detto personale, dalle operazioni di dimensionamento e dalle norme introdotte con la L. 111/2011 e succ. La questione, seppur dibattuta, non ha trovato accoglimento, in quanto trattandosi di operazioni gestite manualmente dalle singole province, ciascuna delle quali ne stabilisce autonomamente i tempi, non risulterebbe praticabile l'incrocio fra le preferenze espresse e le sedi disponibili.

La Delegazione

Roma, 8 maggio 2013